Saluti da

L’Italia, le sue città, la sua gente, i suoi milioni di turisti, i suoi monumenti amati e studiati in tutto il mondo, patrimonio dell’Unesco un giorno sì e un giorno no, tra le principali mete turistiche per il suo passato glorioso. E fino a qui tutto bene. Tutto banale. Ma se un giorno, l’arte, si mettesse nella scomoda posizione di raccontare tutto questo, come potrebbe sfuggire al pericolo “retorica”? Semplice: trasformando la retorica stessa in un’opera d’arte.
Saluti da… è il terzo atto del progetto “SanoSano”, ovvero Giorgio Di Palma e Dario Miale. Una mostra-cartolina impietosa e divertente del belpaese, inviata ai visitatori durante un viaggio di soli 12 giorni in 26 città turistiche italiane. Banalmente e volutamente: Roma, Milano, Firenze, Venezia e così via. La modalità è sempre la stessa: la produzione di fotografie e oggetti in ceramica, risultato dell’osservazione e dell’impersonificazione del turista, vero protagonista insieme ai luoghi visitati e ai suoi tipici tic ed oggetti della mostra stessa.
Sano/Sano continua nel suo percorso. Un laboratorio concettuale a quattro mani e quattro occhi in grado di neutralizzare il banale dell’esistente attraverso la satira sociale. Un mix inedito dall’inconfondibile identità artistica, mai presuntuoso, sempre fresco e coinvolgente.

Testo: Franz Lenti

Cappello,-walkman,-borraccia-e-twix-in-ceramica

2

3

4

fornello

171147272-842eaadb-ee6c-457f-bc25-682d8945fd8e

171147971-1166cf57-c4d6-4930-b21f-f37111179c8e

14435372_1846309802257885_7505182693781333400_o

14352493_1846310528924479_1911118557397407501_o

14425542_1846310365591162_2342649737337506782_o

14424736_1846310022257863_6730041353160468491_o

14424731_1846310525591146_4469057904356627133_o

14372340_1846310058924526_6809637172221025660_o

14361436_1846310725591126_2675110438975239882_o

14424855_1846310832257782_6726649035271771392_o

意大利制造

Nel 2014 il fotografo Dario Miale e il ceramista Giorgio di Palma, autori del progetto, hanno visitato piccoli centri e grandi Chinatown italiane con l’intenzione di realizzare un’esposizione che, combinando ceramica e fotografia, mostrasse una realtà seriale fatta di multipli ossessivi e persone che si assomigliano tra di loro. Questo è quello avevano visto nei negozi cinesi sparsi in Italia e che ammiravano nei film di Bruce Lee. Dopo aver visitato la Cina di Prato, Pisa, Milano, Roma e Osmannoro(Fi), Dario e Giorgio sono tornati a Grottaglie con un’altra convinzione: dietro il marchio ‘Made in China’ c’è un mondo fatto di persone, un universo culturale complesso e difficilmente comprensibile e hanno deciso così di affidare al connubio ceramica/fotografia il compito di documentare il rapporto oggetto/soggetto della comunità cinese.Giorgio durante i viaggi ha acquistato e accumulato oggetti, icone tipiche o semplici e inutili gadgets ‘Made in China’. Tornato a Grottaglie li ha poi riprodotti in ceramica, in pezzi unici o in serie limitate, reinterpretandoli o semplicemente imitandoli.
Dario ha invece documentato i soggetti, ovvero i cinesi in Italia, una comunità spesso chiusa, restia per vari motivi ad aperture culturali. Ha usato la macchina fotografica per raccontare svariati momenti e luoghi: per strada mentre passeggiano, nei parchi mentre giocano, nei supermercati mentre acquistano e nelle grandi fabbriche mentre lavorano.

_DSC0840

_DSC4835

_DSC0852

_DSC5041

_DSC9678

_DSC8483

_DSC9695

ok

oggettini

DSC_0145

DSC_0195

DSC_0214

Giugno/Luglio/Agosto 2016

Ecco il post estivo, scritto con il condizionatore acceso in un caldo giorno d’Agosto. Uno dei pochi a dire la verità. Questa è un estate particolare in cui ho sofferto meno del solito, evitando di strappare le maniche a tutte le magliette notturne. Nonostante questo ho sudato un sacco, sbattendomi tra mostre, studio e organizzazione della produzione.
Agli inizi di Giugno si è inaugurata la Mostra della Ceramica nel Castello Episcopio di Grottaglie. Una mostra a cui partecipo più’ per dovere che per piacere. Intanto grandi notizie arrivano dall’estero. Non posso anticiparvi nulla ma sappiate che sarà una cosa Intercontinentale. Tenetevi forte.

13517421_512496418947283_6011406240798431693_o
Ma basta parlare del passato e del futuro, parliamo del presente. Oggi è il giorno della presentazione del nuovo progetto di Sano/sano. “Saluti da” dal 9 al 18 Settembre a Grottaglie.
A Settembre sarò invece a Faenza per seguire Argillà e per seguire due esposizioni a cui partecipo. La prima è Cube un progetto itinerante che si svolgerà a Faenza poi a Torgiano e poi a Roma. La seconda invece è la mostra con le opere realizzate durante il Simposio di Gmunden al MIC in Faenza. Siateci…

Locandina-WEB-New

 

Cacate

La “ piscialora”, termine dialettale grottagliese, luogo di passaggio, specchio istantaneo dell’anima, rifugio appagante di bi-sogni fisiologici, diviene per una settimana una galleria d’arte dove il ceramista Giorgio Di Palma e il fotografo Dario Miale concentrano l’uno in una serie di manufatti e l’altro in un reportage fotografico il loro spirito artistico, senza starci tanto a sudare e con tanta ironia.

Non a caso il manifesto della mostra titola “CACATE”.
Giorgio ha così plasmato oggetti d’uso comune in un bagno pubblico, come per esempio un asciugamani piuttosto che uno sturalavandino.
Dario ha invece passato una giornata proprio lì, immortalando i fruitori del luogo nei loro momenti più intimi.
L’intento, a detta dei due, è cercare di far mettere piede nel sudicio altrui a tutti, anche a chi piuttosto di entrare preferisce farsela sotto. Non in una galleria, né tantomeno nella Pinacoteca Comunale, ma proprio nei bagni pubblici del Castello Episcopio di Grottaglie.

A ciascun luogo la propria aria … CACATE

Testo: Federico Annicchiarico

DSC_0495

DSC_1928

DSC_0615

verticale2

DSC_1581ok

DSC_1888

DSC_1741

DSC_1907

DSC_1881

verticale1