December 2013 – Part II –

It’s time to update the blog. It’s time to post pictures and news. Just give me 4.23 minutes to refresh my mind and enjoy the world. It’s a kind of a secret that I will share with you today. Press play and enjoy…

So…. where I was. I was speaking about shows and prize. In this period I’m taking part to a lot of different events, click here to have and idea. If you are in time go there, if not I will post now links and a couple of pictures.
In Milano there are two shows: “La ceramica oggi in Italia” and “Gift” at the NoName space.
I have no pictures from the NoName space, but some friends of mine sent pictures from Villa Necchi.

IMG_0125You can see  more pictures just clicking here.

In Ragusa at the same time I sent some pieces for the opening of a shop in front of Prima Classe Bar . The one that you can see here below.

IMG_0205

At the end it’s time to speak about the prize…
This year I took part to the exhibition at the Castello Episcopio in Grottaglie named Sotto cieli stellati (under starry sky). I worked with 2 great friends of mine Mauro and Saverio on a piece: Si può’ dare di più. It’s the title of a song that won Sanremo in the 1987. It was singed by Umberto Tozzi, Gianni Morandi and Enrico Ruggieri. We worked under the pseudonames of Gianni, Umberto and Enrico and named the piece like their song. After it we used 3 shapes from the Grottaglie’s ceramics, to represents the nativity. Their were covered by a dark starry blanket. We didn’t want to win the prize, we just planned to show the situation of the ceramic in Grottaglie: sleepy and sad.
On the top pf this post you can see the picture, it’s not my typical style but you can feel the ironia. Have a nice day….

December 2013 – Part I –

It’s time to wait presents and snow. I am here sitting in the studio with  an hot water bag on my legs and senseless objects on my desk. It’s time to speak about news and events. It’s Christmas and it’s time to buy presents and say bye to my ceramics.
– There are different art-shows and shop where you can see my works in this period: Milano and Ragusa (click here). I am still waiting for good pictures… no way.
– On Sunday 22th of December I will take part to Make People do Lab (click here), an event in Fasano where you can see and buy the best christmas presents…
– Ting Ju SHAO for Taiwan Ceramic Art journal wrote an article about the Ceramic Biennale in cluj. Here you can see a picture, i really don’t know the language but it looks amazing.
– I also received a picture from Roma. It’s a flat where a really lovely and amazing girl put some of my balloons. It’s nice… she is super nice.
That’s all… no wait there is a great news. I won a prize but I will speak about it in the next days…
With Love
G
a5

1470865_10202321358102563_2032287202_n

November 2013 – Part II –

Christmas is coming without snow here in grottaglie, but with a crazy cold weather. It’s time for me to be ready to ship, to organize art shows and celebrate opening and vacations.
At the moment I am doing 4 different art shows, 2 in Milano, one in Ragusa and one in Grottaglie. If you want to see, buy a present or just visit this place it’s time to take a break. First of all buy a ticket and go to Milano where you can visit Villa Necchi in the morning (click here). This’s a wonderful location for the “Ceramica oggi in Italia”, with a lot of amazing ceramists and works. I am there with 3 pieces. After it let’s have a coffee and move to the No Name Space (click here). It’ s not a gallery, better, and you can buy your Christmas presents and support good guys at the art show “gift, geschenk, cadeau”. When you have finished lets take a flight to Sicily and a bus to Ragusa where at the Bar Prima Classe (click here)  le Formiche are organizing the “Shoptional” art show. I hope that my stuff will be there in time… the 106 his a crazy road.
So finally you can come back to Grottaglie where at the Castle there is the “XXIV Mostra del Presepe” (click here). I made an ironic and a little polemical piece with 2 great friends (Saverio Liuzzi and Mauro Basile) speaking about the situation of the ceramic in Grottaglie where everything looks so sleepily.. We won the price for the “Giovane Ceramista” with the work “Si può dare di piu'”, picture above.. Thank you ….
Now it’s time for picture… have fun, don’t eat too much, see you soon I have to post pictures of art-shows, catalogues and balloons in wonderful location…

1470183_670715916283663_155715043_n

1486618_542602515816795_697457492_n

1452314_447525132018875_1654040827_n

November 2013 – Part I –

A lot of things will happen in the next days. The 30th of November there will be the opening of the art show “La ceramica oggi in Italia” (click here): in Villa Necchi some of the most important ceramic artist in Italy will exhibit their works in a wonderful location. I will show there 3 pieces, and I have to thanks Azzurra for the support to pick up and move my stuff in and around Milano.
At the same time  I am working on balloons. In this period they are my best seller so I decided to create a lot of them to stay quite for a while. Here below you can see a picture that Benedetta sent me from Rome. They look great inside her house. Don’t you think? Update soon with more news from art shows and picture.

foto-2

foto-1

October 2013 – Part II –

A new website, new stuff and new projects. I am still here, trying to create something that can make me happy, involving people and surviving in these insane days.
I did a lot of exhibitions in the last months. A great ceramic biennial in Kapfenberg in Austria (click here), a super-cool show in Neumunster (Germany) and I received an Honorable mention at the amazing First Cluj ceramics Biennale in Romania (click here).
I have to start to organize new shows that will come soon in Milano, Sicily and Rome. Believe me, i am not stressed, but to connect all this things togheter is really hard if you don’t have a memory book… and sure i don’t have a memory book.
I will try to update this blog frequently, it will be difficult, especially in English. I have to improve it… you too, my dear italian speaking.

 

September 2013

While the summer is going somewhere else I am here with a couple of sweet clouds and news:

– A lot of exhibitions are coming. I will take part to the Kapfenberg ceramic Biennale in Austria (click here) and to the first Ceramics Biennale in Cluj (click here). If you can go and see these shows that will be great, if not let’s wait for more news, a solo art show in Milano will happens soon.
– I come back from Germany were i met old and new super-friends. Togheter we did a show in Neumunster. Click here for the photos.
– The “Cacate” art show in the public toilet in Grottaglie is closed. I want to thanks all the people that supported me and Dario in that crazies days.
P.s. On the picture above you can see a scuplture. It’s the present for my friend Alessandro’s sister wedding. Congratulations, I wish you the best….

September 2013 – Part I –


La risposta a chi vorrebbe distruggere perchè incapace di creare, a chi informa senza informarsi. Dal 7 al 29 Settembre  a Neumunster, Jim Avignon, Giorgio di Palma, Sille Louise Krogh-Jacobsen, Nicole Thoss & Danijela Pivaševic-Tenner presentano “Work in Progress“. L’evento si svolge in un antico edificio che verrà presto distrutto per la lasciar spazio ad un immenso centro commerciale. Mentre i “lavori stanno per iniziare” abbiamo operato un buffo tentativo di ricreare uno spazio che una volta ospitava case  e uffici. Potete vedere alcuni scatti dell’inaugurazione cliccando qui. In una foto, mentre mi incarto in basso, rispondo alla domanda ” Com’è possibile fare ironia nell’arte?”. Ho risposto “Basta non conoscerla e non averla mai studiata, ma sopratutto basta sapersi prendere in giro”. Quindi che nessuno degli addetti ai lavori si scomodi, non ne ho bisogno. I miei risultati li leggo nei volti della gente comune, che come me cerca di creare qualcosa, senza pretese o autocelebrazioni. Dario Miale insegna….


Photos: Stefan Tenner

August 2013

September is coming, and I am waiting for it with news, clouds and a lot of exhibitions.

– It’s time to make a show with my friend Dario Miale. It’s named “Cacate“, come to the public toilette to visit it or click here for more infos.
– I will fly back to Germany to do a show named “Work in progress” with Jim Avignon and a lot of great artists.
– I will also take part to the first biennale of Ceramic in Cluj (Romania). Click here.

New objects and projects are coming, wait for pictures, please…..
Finally I want to thanks all the people that always support me: all my family, Ciughetto, Simone, Daniela, Valeria and the 3 super-girls: Liova, Melinda and Fuga. Lucky, thank you too …

 

August 2013 – Part I –


Anche quest’anno ho avuto la fortuna ed il piacere di partecipare a Vino è…musica, un evento giunto ormai alla quarta edizione. Sono particolarmente grato a chi l’organizza perchè è rimasto l’unico evento in grado di attrarre migliaia di persone nel quartiere delle ceramiche. Un quartiere che può offrire tantissimo, una risorsa per il turismo ma anche per l’economia della città. Vino è…. musica lo ha dimostrato, non devo aggiungere altro.

Orecchiette nelle ‘nchiosce 2013

Quest’anno ho deciso di supportare alcuni eventi organizzati a Grottaglie, tra cui Orecchiette nelle ‘nchiosce (clicca qui). Sono occasioni importanti perchè organizzati da ragazzi che si sbattono per creare qualcosa nel territorio. Per l’occasione è stato chiesto ai vari laboratori ceramici locali di realizzare piatti da utilizzare come contenitore per le orecchiette. Ho accettato e deciso di accollarmi 50 piatti. La mia idea è stata quella di utilizzare un grande logo stampato dell’evento come sfondo per i 50 piatti, in modo che uniti ne formassero parte e singolarmente vari pezzi di un puzzle. Una volta smaltati i piatti ho poi deciso di farli decorare ad un gruppo di bambini che hanno seguito un breve workshop gratuito in bottega. Il risultato è quello che vedete in foto.


Ammetto che l’idea mi ha entusiasmato più del risultato, per questo ho deciso di omaggiarli con 15 piatti  smaltati con la tecnica che utilizzo per la realizzazione dei miei pumi. Ve li presento:

orecchiettenellenchiosce on Make A Gif

July 2013

Hello there! Here I am, watching clouds and thinking about my city. The skyline is dominated by smoking chimneys, that usually kill people and hope. But I am proud to be here, where people is trying to kill the chimneys, fighting for their dreams.

These news are dedicated to them:
– In the next months I will do art show in Austria, Germany and Romania but I will also give my contribute to some local event: Orecchiette nelle nchiosce and Vino è Musica.
– In August I will do a tour with my works travelling around Puglia. Stay tuned… it will happens soon.
– My works has been featured on Pizza digitale (click here) and Vanity Fair (click here). I also did a video interview for the Mini Tour (click here).
– New objects and low realieves will be post in the next weeks. It depends on Dario Miale (click here), that is always busy.
– I want to thanks Liova, Melinda and Fuga, 3 supergirls that helped me so much in the last months, planning and working. Thanks also to Fabio Mazza for the picture on the top.

Pizza digitale


E’ con immenso piacere che questa mattina scopro una recensione delle mie ceramiche su Pizza digitale. Preferisco quando qualcuno si impegna per scrivere propri pensieri sulle mie opere senza lasciarsi andare al copia incolla totale. Vi lascio il link, cliccate qui, ci aggiorniamo presto.

Cica 2013 – Alcora, Spagna –


La cassetta degli attrezzi è al momento esposta al Museo della Ceramica dell’Alcora in Spagna, al concorso Cica 2013. Se,  a causa della ripida scala, non avete avuto occasione di vederla all’interno del mio studio non fatevi intimidare dalla distanza. Prendete il primo volo per Valencia e recatevi in via . Se non ce la fate potete cliccare qui e vedere tutte le opere esposte, altrimenti qui per un tour con le foto del Museo e dell’allestimento.

Mostra cancellata / Mercato Monti confermato

Vi avevo parlato di  una mia imminente esposizione a Roma, ma ieri mi sono tirato indietro. Sembrerò arrogante, antipatico, montato di testa o stupido. Ma sono me stesso e non posso accettare che si paghi, per via diretta o indiretta, neanche un solo euro per poter vedere le mie ceramiche. Sono tre anni che sto cercando di far capire al pubblico quanto poco mi interessi del denaro e quanto importante per me sia il progetto. Un progetto che vuole includere e non escludere persone. Chi ha organizzato la mostra si è impegnato per me e si sta impegnando per portare cultura in un contesto difficile. Purtroppo abbiamo avuto disguidi che a causa della mia intransigenza mi hanno portato a disdire. Sia chiaro, nulla contro di loro, che stimo e rispetto. Le leggi italiane a volte ostacolano la costruzione e facilitano le incomprensioni. Si sarebbe dovuto pagare un contributo minimo obbligatorio (una tessera come impone la legge), che non sarebbe andato nè a me e nemmeno a loro, ma alla fine solo allo Stato, attraverso tasse e vincoli che costringono chi come loro crea e vuol fare le cose per bene a scontrarsi con chi come me ritiene che l’accesso alla cultura debba essere completamente gratuito. In questa storia non ci sono colpevoli, ma solo vittime, gente tranquilla che cerca di costruire i propri sogni.  Auguro loro il meglio, perchè se lo meritano. Bye bye mostra, ma non Roma. Domenica 19 Maggio sarò a Mercato Monti (cliccate qui), ospite di Ornella, Bibi e tanti espositori che mi vogliono bene. Vogliatemi bene anche voi, passate dall’Hotel Palatino, fermata Cavour e veniteci a salutare. Ci saremo io, i miei stupidi oggetti e per la prima volta a Roma un paio di melanconici personaggi di terracotta. Avevo promesso loro che avrebbero visto la Capitale. Mantengo sempre le promesse, come quella che non pagherete mai neanche un euro per fruire dei miei lavori.  Vi aspettiamo a Mercato Monti.

May 2013

I am back home and I’m proud to annunce great news to the sun and to the allergies:
– I spent one month in Neumunster working with amazing people and artists. Click here to know them, here to check my project and here to watch a funny video interview.
–  In June i will take part to CICA 2013, the International ceramic show in Alcora, Spain. In May, instead, I will do an exibithion and a workshop in Rome. Stay tuned for more news.
– Some new low relieves have been added under the ceramic section, click here.
– A couple of new projects are on the way to start. It only depends on me, and I am ready to start.
– It will be an hot, hot summer. Everything is perfect…

Capitolo ventunesimo – Giorni 28 e 29 – Here we are –

486674_10151565328957422_1956541703_n
Negli scorsi post vi ho mostrato tutte le opere realizzate in questo mese (clicca qui). Tutte eccetto una, quella che vedete in alto. Ho preferito tenerla nascosta fino alla fine, fino al momento di salutare Neumunster.
Al mio arrivo ho intitolato il progetto “I miss you” ed in questo post (cliccate qui) ho spiegato il perché. Ironicamente, attraverso la riproduzione in ceramica degli oggetti mancanti nella mia casa, sognavo di rendere il pubblico partecipe del mio tentativo di colmare vuoti e mancanze.  Sono arrivato così al giorno della presentazione, quando ho avuto modo di rivedere tutte le persone che ho incontrato in queste mese. Mentre cercavo di spiegare le opere ho visto brillare i loro occhi, rendendomi conto che a Neumunster, senza aver  dimenticato nulla, ho lasciato qualcosa.  Ho lasciato un ricordo di Giorgio di Palma uomo, oltre che ceramista.  Quando ho invitato la gente ad interagire gli ho chiesto di realizzare in ceramica una lettera su cui scrivere un messaggio, una  cartolina da dedicare a chi avessero voluto.
Io, di nascosto, preparavo il mio regalo per la città: una cassetta postale tedesca.  E’ quella che vedete in alto, il contenitore simbolo di ricordi ed emozioni. Lei resterà in strada, testimone del mio passaggio a Neumunster. Tutte le altre opere le ho donate alla fondazione. Non ho voluto né venderle e né portarle con me.  Con me porterò qualcos’altro, ovvero lo splendido ricordo delle persone che in questo mese mi hanno dato così tanto da non farmi mancare nulla. Un ricordo che  trasformerò in pezzi di creta, testimoni oculari di storie passate, presenti e future.  Storie  che non sono mai state mie, ma sempre nostre.
Danijela, l’organizzatrice, al mio arrivo mi chiese perché utilizzassi il plurale e non il singolare, il noi e non l’Io. Ecco la risposta. Io senza Danijela, senza Stefan, senza Dunja, senza Tara Lotte, senza Wolfgang e senza tutti quelli che ho conosciuto a Neumunster, non avrei avuto niente da raccontare. Io, senza il supporto di 6246 lettori, non avrei raccontato niente. Ecco perché uso ed userò il plurale.
Ci rivediamo presto, parola di Giorgio Terracotta.

Capitolo ventesimo – Giorno 27 – La presentazione –

1

La presentazione, come previsto, si è svolta all’interno della mia casa. All’interno di questo post ho inserito alcune foto degli oggetti dislocati all’interno dell’ appartamento. Al momento mancano alcune opere, come la caffettiera e la sedia. Appena riesco a recuperarle, le aggiungerò. Ringrazio Wolfgang per le foto.

2-2 10 3 9-2 7 5-2 6 8

Capitolo diciannovesimo – Giorni 25 e 26 – Le opere –

sediaok2
Ho trascorso 24 giorni a Neumunster. La presentazione delle mie opere si è svolta ieri. Appena avrò a disposizione alcune immagine vi racconterò come è andata e vi farò vedere l’allestimento all’interno dell’appartamento. Quelli che vedrete in questo post sono gli oggetti realizzati durante il mio soggiorno. Ne manca uno, ma ve ne parlerò più avanti. Ho dovuto sacrificare gli spaghetti ed alcune chiavi che non entravano nel forno. Il resto è qui in queste immagini. A domani…
radio cappello caffettiera ferrodastiro2 bagno2

Capitolo diciottesimo – Giorno 24 – Ultimo sforzo –

platino
Il momento più atteso da tutti i ceramisti è l’apertura del forno, magari dopo la smaltatura. In pochi attimi, i risulatati di settimane di lavoro si mostrano definitivamente davanti i nostri occhi per quello che sono e saranno per sempre. Potremmo essere tristi o felici, ma sicuramente resteremo sempre sorpresi dall’imprevedibilità di questo materiale. 
Oggi ho aperto i due forni del mio studio a Neumunster. Il forno piccolo conteneva oggetti con gli smalti importati da Grottaglie, quello grande oggetti con vernici tedesche. Ho spizzicato sperando che fosse andato tutto bene, come un pokerista alla ricerca degli assi. Poi ho spalancato e Ta na na na… la fortuna è con Giorgio Terracotta. I risultati ci sono, i difetti anche, ma molti oggetti brillano e questo mi rende felice. Non mi è servito fare test, è stata una scommessa contro il tempo e contro le previsioni accademiche. Manca un giorno ed il platino. Poi tutto sarà pronto per la presentazione di domani. Ce l’abbiamo fatta, anche se ho dovuto sacrificare alcuni pezzi per motivi di spazio nel forno. Fa anche questo parte del gioco.

Capitolo diciassettesimo – Giorni 22 e 23 – L’intervista e gli smalti –

 smalto1
 smalto2
Sono arrivati gli smalti e tutti gli oggetti sono stati infornati. Ho deciso di applicare quelli importati sulle opere più piccole mentre sulle più grandi i colori tedeschi. Il tempo stringe, manca pochissimo alla presentazione e tifo italia germania. Accendiamo i forni ed incrociamo le dita, si parte. Anzi no, aspettate un attimo. Giusto 3 minuti per guardare la mia intervista, ma prima una breve premessa.
Premessa
Sono cosciente del fatto di rendere più nella versione scritta che in quella orale. Non so per quale motivo, ma ogni vota che cerco di spiegare un sentimento oppure un pensiero, mi incarto. Non sono un ottimo oratore in italiano, figurarsi in inglese. Il problema è che penso in dialetto, traduco dal dialetto all’ italiano e dall’italiano in inglese.
Il risultato è quello che potete vedere nell’intervista rilasciata qui a Neumuster, in cui non riesco a capirmi nemmeno io. Fortunatamente il mio ruttare parole a caso fa pensare ad una padronanza dell’idioma anglossasone non veritiero. Negli ultimi giorni, inoltre, sto peggiorando in maniera esponenziale perchè gesticolo azzardando termini tedeschi con accento inglese.
Ringrazio Stefan che è riuscito a far uscire fuori tre fasi di senso compiuto da un intervista di 15 minuti. Mi scuso con Stefan per avergli fatto trascorrere 3 giorni ad assemblare frasi sconnesse di senso incompiuto.

Capitolo sedicesimo – Giorni 20 e 21 – Lo chiamarono Terracotta –

terracotta
Da quando sono arrivato in Germania mi sono confrontato con argille dalle composizioni e reazioni più disparate. Percentuali, inclusi, colori variabili a seconda della cottura e mini sacchetti da 10 kg a 10 euro. Un mondo misterioso che non pensavo potesse esistere. Ad una persona come me, che non ha mai studiato la materia, bastava conoscere pressa, semipressa e tornio e selezionare in base allo scopo. Ho qui purtroppo scoperto che la nostra argilla non è la migliore del mondo. Si presta benissimo per fare i vasi da fiori ma per sperimentare non è il massimo. Poca resistenza e basse temperature di cottura
Giorgio Terracotta è qui, nel paese delle porcellane. Inconsciamente, in Germania, mi sono reso conto di aver vinto. Non a Neumunster ma a Grottaglie. Con la nostra argilla non ha senso produrre ceramiche funzionali, per belle che possano essere, perchè la nostra argilla può essere solo poggiata e maneggiata con cura. Faccio ceramiche inutili in partenza e questo mi rende felice. Lo faccio utilizzando colori lucidi e brillanti. La mia forza sono gli smalti e le vernici, che abbinati alla nostra argilla regalano sensazioni uniche. Quindi non parlatemi di tradizione, di avorio, miele e galletti. Perchè questa non è tradizione, è archeologia sperimentale. Cinquanta della sessanta botteghe ceramiche a Grottaglie non raccontano alcuna storia se non una lezioncina a memoria da cinquecento anni. Dovremmo raccontare la storia in modo diverso. Io ci sto provando e non sono arrogante, credetemi. Se oggi il Liceo Artistico chiude e se le botteghe sopravvivono a stento è perchè  moltissimi si sono arroccati nella loro arrogante tradizione, attuale solo nell’ importazione dell’argilla, dei forni elettrici, di smalti pronti, semilavorati ed idee altrui . Arroganti sono quanti non si sono aperti al confronto e a stimoli esterni. Io non ho paura di perdere, perchè ho già vinto.
Ho comprato i miei smalti e li sto applicando sull’argilla tedesca. Non mi importa se reagiranno o meno, il fascino e la brillantezza della mia ceramica sono unici perchè riflettono la magia della mia terra, splendidamente piena di difetti. Questa è la mia arrogante interpretazione del concetto di tradizione. Spero la condividiate.

Capitolo quindicesimo – Giorni 18 e 19 – Conto alla rovescia

  prove
Scusate il ritardo, ma sono in ritardo. Ho trascorso gli ultimi giorni in continuo movimento cercando di mettere da parte tutte le informazioni ed i minuti per aggiornare. Ma non ce l’ho fatta. Sono stato in pub, a concerti, a visitrare laghi, ad incontrare ceramisti e alla fine a cenare a casa di Wolfang: un simpaticissimo tedesco che di lavoro faceva il Ministro* ma che oggi ha la passione per la fotografia e la lingua italiana.
Durante la mia ripetuta degustazione delle prelibatezze ho avuto il piacere di imbattermi in due alimenti che mi erano sconosciuti:
– La Brassica oleracea (clicca qui) un ravanello gigante che ho scoperto essere famoso nel sud Italia con il nome di cavolo rapa ma che io ho conosciuto di vista solo in Ungheria.
– Il Polygonaceae Rheum (clicca qui), ovvero il rabarbaro, prima di oggi visto solo nell’ etichetta dell’amaro.
Oltre al cavolo rapa e al rabarbaro i Wolfgang mi hanno fatto conoscere anche Volker Tiemann, un artista che fa quello che faccio io ma con il legno. Lo fa pure meglio….
Carichi di novità, io e la mia allegra famiglia tedesca siamo tornati a Neumunster, dove ho riaperto il forno e “Pi la ma……. e ce cazzo ete quane”.
I test fanno cagare, i colori non mi piacciono, li vedete in alto. Ho deciso di ordinare gli smalti in Italia, smetterla di testare ed agire. O la va o la spacca. Mancano 4 giorni e 3 cotture. Gli smalti sono in arrivo.

* Wolfgang veniva inviato al posto del Ministro, immagino a sorbirsi tutte le cerimonie formali come quella del mio arrivo. Cliccate qui per avere maggiori info.

dunja2
dunja1

Capitolo quattordicesimo – Giorno 17 – L’alchimista –

test

Ho smesso di fare esperimenti nel 2011 quando provai a cucinare una pasta con la crosta, funghi, patate e carote. Fu un disastro alimentare, come può testimoniare il mio bagno. In questa giorni, a distanza di anni, rimetto il camice dell’alchimista per sperimentare colori e reazioni, smalti, engobbi, cristalline, acidi e codici. Sono all’oscuro del contenuto che ogni busta riserva. I colori li deduco dalla mia poca esperienza e le temperature mi spaventano. Sono abituato a cuocere a 930-940 gradi. Qui siamo sui 1000-1200 gradi. Rischio davvero di fare disastri. La mia argilla non può sopportare quelle temperature e questi smalti non fonderebbero a 930 gradi. I miei pezzi sono in pericolo. Altro che pasta con la crosta. Qui rischio di fare la crosta sull’argilla. Con il disastroso risultato che anche questi esperimenti facciano cagare.

test3

Capitolo tredicesimo – Giorno 16 – Si accomodi –

animazione2
Torna la gif animata, l’evento psichedelico tanto odiato dai lettori di questo blog. Ho il piacere di abbagliarvi con le fasi di realizzazione di una sedia in ceramica. Questa, insieme ad altri 4 oggetti, andrà ad allestire la camera da letto, che ancora ospita i ricordi di chi ha abitato prima di me. 
Con la realizzazione di queste opere dovrò interrompere la produzione. Spero di riuscire a creare altre tre o quattro oggetti, di piccole dimensioni, ma il tempo stringe e devo concentrarmi sulle altre fasi: asciugatura, cottura, smalti, ricottura, terzi fuochi, riricottura. 
Manca una settimana e come al solito ho calcolato male i tempi. Scappo, mi devo sbrigare, altrimenti fuggo, ve lo prometto…

Capitolo dodicesimo – Giorno 15 – Il salotto –

salotto
Nella versione primavera-estate sono solito indossare cappellini colorati, verde e rosso, a seconda degli stati d’animo. Come ad un semaforo, con il verde percorro sicuro la mia strada, mentre con il rosso mi metto in pausa, penso. Purtroppo non ho pensato di portarmi il rosso in Germania ed è per questo che l’ho rifatto in ceramica. Sarà uno dei cinque oggetti che allestirà il salone, insieme ad un ferro da stilo, una macchina fotografica, una pila ed un top-secret. A questo punto vi chiederete il perchè della pila, del ferro da stiro, della macchina fotografica e del top-secret. Vi racconterò solo della pila. Una notte mentre dormivo ho iniziato a sentire uno strano bip-bip provenire dal salotto. Dopo un pò di minuti ho realizzato che era l’allarme antincendio. Ho trascorso tutta la notte sul divano per paura di un possibile incendio, torturandomi con quel maledettissimo bip, fino a quando ho deciso di rimuovere la pila. Forsei dovrei semplicemente sostituirla o forse sto ppicciato….

Capitolo undicesimo – Giorno 14 – Workshop –

 optima

Un paio di giorni fa sono stato ad una inaugurazione di una mostra qui a Neumunster. Il posto era bellissimo ma mi ha sconvolto il pubblico che vi partecipava. E’ solo grazie alla prensenza della neonata Tara Lotte, infatti, che l’età media è scesa fino 64 anni, altrimenti ci saremmo mantenuti generosamente intorno alle 76 primavere. Abbracciando un target leggermente più giovane, ho iniziato a temere che queste persone potessero avere problemi non solo nel capire il senso del mio evento, ma anche nell’ascoltarlo. Bisognava correre ai ripari, altrimenti tanto valeva starmene in Via Caravaggio e chiamare gli Amici dei Musei (clicca qui).  Il primo passo è stato il Workshop. Sfruttando una bella giornata di primavera con Danjela abbiamo deciso di spostare la location dall’interno all’esterno, per strada, e di attirare le persone con cibi e bevande, il sud insegna. Il risultato è stato al di sopra delle mie aspettative: 13 interazioni spontanee e 5 forzate, in sole 3 ore. Età media 38 anni e livello particolarità altissimo. Sono rimasto estasiato da due personaggi:
1) Un ragazzo che a piedi nudi è partito dal Belgio in direzione Roma. Deve essere lì per il 23 Giugno. Aveva capelli lunghi ed un suo alfabeto misterioso, utilizzando il quale mi ha lasciato un messaggio. Purtroppo non sono riuscito ad ottenere alcuna sua foto fino ad ora, ma vi prometto che la posterò.
2) Un uomo che da molti anni, non so per quale motivo, va in giro con una piccolissima scultura lucida, forse fluorescente di notte. Gli dedica foto e lo mette in contatto con genti diverse. Per realizzare il suo contributo ha impiegato quasi 2 ore ma alla fine è andata bene e mi ha chiesto di posare lì in basso. Ha anche creato un album che potete sfogliare qui.
E’ andata benone…. credetemi. E se non mi credete potete vedere altre foto qui.
9
5
2

Capitolo decimo – Giorni 12 e 13 – Le gite –

DSCF7009_1100x825
Ho sempre avuto un debole per le pause, lo ammetto. Anche nei momenti d’ intenso lavoro preferisco non stressarmi, alternando giustamente pausa e creazione. Da quando sono arrivato, oltre a concentrarmi  sul progetto, sono riuscito a ritagliarmi spazi di tempo che mi hanno permesso di concedermi qualche gita. Questo lo devo grazie a quelle persone di cui vi avevo accennato tempo fa (cliccate qui). Sono Dunja, Tara Lotte, Stefan e Danjella. Dunja è come una assistente, una bambina bellissima ed intelligentissima. Tara Lotte è sua sorella, con lei non comunico bene perchè ha solo due mesi. Stefan, invece, è il loro Papà, di lui mi piacciono le foto (sono quasi tutte sue quelle in questo post) e l’attitudine alla vita. Infine c’è Danjella, rispettivamente moglie, mamma, organizzatrice e ceramista serba (cliccate qui). Credetemi, non so come cazzo faccia, ma riesce benissimo in tutte queste cose. Insieme compongono una di quelle famigle così dolci che non pensavo potessero esistere. Eccoli lì, nella foto in alto, mentre nelle altre ci sono alcune località visitate in queste due settimane.

spiaggia1

Queste strane sedie da giostra sono in realtà delle postazioni da spiaggia, a noleggio presso l’inpronunciabileEckernförde. Sullo sfondo una scheggia impazzita, faceva il bagno mentre tutti indossavano berretti di lana.

DSCF6123_700x525

spiaggia7

spiaggia2

Il caratteristico paesino che mi fa impazzire. Kappeln, pieno, ma dico pieno di cianfrusaglie lungo tutto il porto e con edifici semi abbandonati sullo sfondo.lubeck

Capitolo nono – Giorno 11 – E’ pronto –

sedia2

E’ pronto. Ho preparato gli oggetti che allestiranno la cucina. Saranno tre, non quattro come avevo programmato. Purtroppo ho avuto un pò di problemi direttamente con l’argilla ed indirettamente con lo scolapasta. Mi spiace. Ho chiesto a Danjiela (un giorno vi parlerò di lei) di realizzarmi al tornio la coppa che avrei trasformato in oggetto ma questo tipo di creta non si è prestata al mio scopo. E’ molto sporca, piena di inclusi e dal colore arancione, sembra quasi cotto. Si possono fare cose solo inimmaginabili con la nostra argilla ma altre sono assolutamente impossibili. Ho così oggi imparato che dovrò fare a meno dello scolapasta e della spugna. Adesso mangio qualcosina, buon appetito, ma prima le scuse ed i ringraziamenti. Chiedo scusa a tutti gli internauti che soffriranno di disturbi visivi a causa dell’immagine di questo post. Ringrazio invece mio padre per l’ispirazione del piatto di pasta. Ne ha realizzato uno in ceramica veramente incredibile.

Capitolo ottavo – Giorni 9 e 10 – Ispirazioni –

9e10

Ho una bici viola, modello Harley, che scadisce i tempi delle mie ricognizioni a Neumunster. Il codice del lucchetto è 912, lo scrivo qui, quando lo dimenticherò saprò dove cercarlo. Pedalo una mezzoretta al mattino presto, scongelando le scorte di sole che mi porto dietro per scongiurare il pericolo di pioggia. Daniel Johnston mi regala un pò di ispirazione mentre faccio sosta al bar preferito, quello centrale, dove il tazzone di caffè costa un euro e il cornetto ottanta centesimi. Poi riparto, tempo di pedalare un altro poco, spegnere Daniel Johnston, essere assalito da una nuova ispirazione e regalarla al bagno. A proposito di bagno, queste sono le opere a lui dedicate in questi due giorni. Giorni di bagno, pioggia ed ispirazioni. Ci sono anche un bagnoschiuma ed un rasoio. Come previsto nel progetto non li comprerò, per lavarmi uso ed userò lo shampoo ed una saponetta e per la barba uso ed userò il “po si pensa“. Assomiglio ed assomiglierò sempre più a Lello Arena, come molti notato o noteranno.

giorno10

Capitolo settimo – Giorno 8 – L’argilla –

giorno7

E’ iniziata la produzione intensa. Realizzerò le opere seguendo una logica quasi normale. Andrò prima in bagno, poi in cucina, a seguire in salotto ed infine in camera da letto. Non mosterò tutti gli oggetti sul blog; alcuni resteranno top-secret fino alla fine per regalarvi un effetto sorpresa. L’inutilità di questa tabella la verificherò non appena avrò terminato l’argilla che mi sono portato da Grottaglie. I due famosi lastroni pesanti 10 kg e gentilmente omaggiati, infatti, mi sono serviti oggi per realizzare le opere in alto. Ne manca una, quella top-secret. Ci aggiorniamo presto…

Capitolo sesto – Giorno 7 – Lo studio –

 studio
Ho tutto quello che serve, o quasi. Ho uno studio immenso, una scrivania gigante, tre forni, compressore, decassatrice, argilla, frigo e acqua corrente. Non dando importanza alla tecnica ho sempre puntato sulle idee e fino ad oggi non ne sono stato tradito. Tuttavia mi sono portato dietro i miei piccoli segreti: un cerchietto di palstica, un perforatore in metallo gentilmente omaggiato, un regolo taglialastre e due bastoncini di legno. Oltre a questi ho avuto la pessima intuizione di trasportarmi 10 kg di argilla divisa in due lastroni, anche questi gentilmente omaggiati. Ho deciso di mettermi al lavoro iniziando da loro. Quella in alto è la mia scrivania. L’ambiente è ancora molto pulito, ho un giardino immenso e tante camere. Ci vediamo stasera con le prime foto…

studio2

Capitolo quinto – Giorni 5 e 6 – La stampa –

 stampa1
L’ultima volta che sono apparso sui giornali in Germania non è andata benissimo. Era il 2003 e fui selezionato come archeologo volontario per riportare alla luce i resti del campo di concentramento di Zeithain (clicca qui). Si concentrarono molte aspettative intorno all’archeologo italiano, ci fu l’incontro con il sindaco, le foto di rito e le pose per i giornali. Alla fine fu un mezzo disastro se non fosse stato per la latrina rinvenuta per puro caso gli ultimi giorni; latrina che mi toccò svuotare insieme a due altri volontari. Ecco perchè oggi, a distanza di dieci anni, mi fa un certo effetto vedermi nuovamente sulle pagine dei quotidiani regionali e provinciali tedeschi. Fortunatamente al momento non sono l’unica attrattiva della zona. Da giorni, infatti, un elefante si aggira per la città. Non ho capito bene cosa faccia e perchè sia finito a Neumunster, ma sicuramente è qui per aiutarmi. Spero di incontrarlo presto. Da domani inzio a lavorare, seriamente…

stampa2

Capitolo quarto – Giorno 4 – Le Istituzioni –

plan-2
Ho un progetto ed un piano, quello nell’immagine in alto. Lo ha redatto Dunja, la mia assistente personale. Ha quattro anni, bionda, occhi azzurri ed una gran voglio di fare, alemeno fino alle 20.00, perchè poi è stanca e non la si può disturbare. Purtroppo oggi non è potuta venire alla presentazione con le Istituzioni, era impegnata all’asilo. E’ un peccato perchè c’erano tutti: il Sindaco, il Vicesindaco, l’Assessore alla Cultura, i giornalisti ed i Ministri. E poi c’eravamo io e Danjella. E’ andato tutto bene, hanno parlato molto brevemente tutti, poi Danjela e alla fine io. Non ho capito niente. Hanno parlato in tedesco con un accento stretto tedesco. Per questo mi sono limitato a fare un sorriso da abete per circa 25 minuti. Poi  gli ho mostrato il mio progetto, quello che vedete in alto, redatto da Dunja. Penso che non abbiano capito niente. Ho parlato in inglese con un forte accento grottagliese. Per questo si sono limitati a fare dei sorrisi strani. Poi mi hanno omaggiato con foto da rock star che finiranno sui giornali e con una busta sorpresa della città di Neumunster. Alla fine sono andati via tutti e Danijela mi ha svelato che i due Ministri erano un mezzo pacco. I due,  in basso con mongomeri blu e con sciarpa rossa, in realtà vengono inviati a sorbirsi tutte le cerimonie della Regione, il Ministro non ci va mai.

minstri

Nuovo progetto – 29 giorni a Neumunster –


Per un mese non potrò più aggiornare questo blog perchè mi dedicherò ad un nuovo progetto. Ho deciso, infatti, di documentare quotidianamente quanto svolgerò in Germania e lo farò su un altro portale creato appositamente, ma solo in Italiano. Quindi ad Aprile potrete seguirmi su Ventinove Giorni a Neumunster. Basta cliccare qui.

Capitolo terzo – Giorno 3 – Il progetto –

Cercavo un idea, osservando il frigo della mia cucina pieno di calamite. Cercavo di comporre vari nomi, bevevo caffè e pensavo. Mi mancavano delle lettere per scrivere Giorgio e mi mancava la caffettiera per un buon caffè. Mi mancavano anche delle idee. Poi boom, “I miss you“, ovvero la mia idea per la residenza.
Il progetto sarà incentrato sulle cose mancanti. Ho mandato Dunja a prendere un foglio di carta ed  annotare tutto ciò che dettavo, ovvero tutto ciò che mancava nel mio appartamento. Da oggi quel foglio non diventerà una lista della spesa ma l’elenco degli oggetti che realizzerò in ceramica, facendoli diventare reale testimonianza del mio passaggio a Neumunster. Sono oggetti quotidiani che mi sarebbero serviti per un perfetto soggiorno. Non li comprerò, li farò di ceramica senza farmene niente.
I miei lavori non saranno presentati in un museo o nella galleria, ma nel mio appartamento temporaneo. Per la prima volta dopo 25 anni la gente potrà realmente capire e vedere questo posto nella sua interezza. Potrà visitare le stanze e le mie ceramiche. Entrerà per osservare falsi oggetti sparsi per casa e tornerà a casa con spunti di riflessione. Vorrei fargli rivivere le stesse emozioni e sensazioni provate durante questo mese. Vorrei che osservando le opere la gente capisca l’ambiguità del titolo “I miss you“, ovvero il mio tentativo di riempire i vuoti.  Le mancanze ce le porteremo dietro, sempre, a meno che non si tratti di oggetti, che potremo facilmente sostituire. Ma io preferisco trasformare gli oggetti in ceramica e le mancanze in ricordi. Ogni oggetto è per me uno splendido ricordo che dedico a chi non c’è più, a chi vorrei fosse qui e a chi mi supporta da lontano. I miss you…..

Capitolo Secondo – Giorno 2 – L’idea –

Ad attendermi alla stazione c’erano Dunja, Stephan, Tara Lothar e Danijela. Errori dattilografici a parte, vi spiego chi sono:
Dunja è la mia assistente personale: bionda, occhi azzurri, ha sempre voglia di fare e di imparare.  
Stephan è un giornalista tedesco che, dopo aver lavorato per anni con radio indipendenti, oggi si interessa alla connessione tra giornalismo e multimedia.
Tara Lothar è tranquillissima e molto riservata, tanto che non ho ancora avuto modo di scambiarci due chiacchiere.
Danijela, ceramista serba, è da quest’anno direttrice del “Ceramic Artist in Residence“. Per rinnovare il programma ha deciso di diminuire i tempi del progetto ed aumentarne i partecipanti. Ne ha selezionati 10 completamente diversi per carattere ed approccio alla materia. Mi alternerò così con un professore universitario americano, un cinese supertecnico, il vincitore del Premio Faenza ed altri che poi mi sono distratto.
Intorno a lei ci sono tante aspettative perchè, oltre ad aver modificato un progetto consolidato, ha anche ricevuto un pò di finanziamenti dalla Regione. Ragion per cui arriverà il Ministro. In occasione della sua visita, prevista per domani, ci sarà una conferenza stampa in cui sarà presentato il programma della Stadttöpferei ed il mio progetto.
C’è stata per questo oggi una riunione intensa con Danijela e Dunja per discutere sulle mie idee da presentare domani e da sviluppare durante il mese. Naturalmente non ne avevo portate di valide e con Danijela abbiamo discusso per ore senza arrivare ad una soluzione. Poi ad un certo punto ho visto Dunja, la mia assistente, allontanarsi un pò offesa. Effettivamente non la avevamo coinvolta abbastanza nella discussione. Le ho chiesto di salire con me in casa e cercare qualche idea, sorseggiando un lunghissimo caffè. Nostalgico della caffettiera dimenticata, pensavo ed osservavo il frigo pieno di calamite. Poi d’improvviso, l’idea è arrivata, ovvero l’ho trovata. Era lì, tra me ed il frigo pieno di calamite. Nascosta nell’ombra di quel lunghissimo e bruttissimo caffè cu la posa. Domani ve la racconto.

Capitolo Primo – Giorno 1 – Valigie di cartone –

Non uso il trolley per scelta. Mi faccio carico dei miei sogni sollevando valigie di cartone pesanti come macigni, non trascinandoli su comode rotelleGiorgio di Palma, Orio al Serio, 30 Marzo 2013.

Spatapam…

“Li muerti di sta valiscia di merda”. Giorgio di Palma, Neumünster, 31 Marzo 2013.

Come volevasi dimostrare. Mi si è rotto il manico della valigia di cartone all’arrivo nella stazione di Neumünster. Avete capito bene Neumünster, una cittadina un pò più a nord del nord della Germania. Mi trovo qui per trascorrere un mese nella residenza Stadttöpferei.
Nel 2013 mi alternerò in questa casa, studio, galleria con altri nove ceramisti provenienti da tutto il mondo. Clicca qui  per tante news.
Ho deciso che racconterò questa esperienza in capitoli, giornalmente, per condividere immagini, creazioni, paure e speranze. Non lo faccio per ambizione, pubblicità o per esaltazione, sia chiaro. Lo faccio perchè nelle mie valigie di cartone, mischiati a pantaloni sporchi e cappellini colorati ci sono kg di vostro supporto.
E’ anche per colpa vostra che si è staccato il manico della valigia di cartone al momento del mio arrivo a  Neumünster.
Spatapam. Stavo scendendo dal treno e ad attendermi c’era un pò di gente. Figuraccia che non ho provato arecuperare traducendo la mia massima in inglese. Mi sono limitato a bestemmiare in grottagliese. Fortunatamente “il confine tra l’artista e l’idiota è così sottile che posso spacciarmi per entrambi, a seconda dei casi”… seconda massima, Giorgio di Palma, Neumünster, 31 Marzo 2013.
Ci aggiorniamo domani.

March 2013

Switch off your gps and look up to the sky.  There are dreams and news to share with the clouds:
–  In April I will spent one month in Neumunster. Stadttöpferei  selected me as one of the 10 artist  for the residence program 2013 (click here).
– You can fallow this experience directly from this new project named Ventinove giorni a Neumunster (click here).
–  My works has been featured on Ceramica Creativa (click here)  and Ceramic Vision (click here).
–  In May  I will do a solo show in Rome.
–  I added objects and the page “Games” under the ceramic’s category.
– I want to thanks  Dario Miale (click here) for the new pictures. I am proud to announce a collaboration with him for a new amazing project. Stay tuned.

Udine – Reciclartè –


Ho finalmente una buona notizia per quanti si sentono troppo distanti dalle mie ceramiche. Se vivete dove di solito fa più freddo, da oggi non sarete più costretti a prendere treni, aerei, traghetti o sommergibili per raggiungere Grottaglie. Potete far visita a Federica che ha da poco riaperto il suo negozio ad Udine, in via Poscolle 35. Si chiama “Reciclartè” ed all’interno ospita tante creazioni carine (clicca qui). Non chiedete sconti, mi raccomando,  le ho fatte pagare il giusto e le sta rivendendo al giusto. Quindi mettetevi un cappotto e avventuratevi nel freddo friuliano.

Residenza in Germania. Stadttöpferei.


Condivido con il mondo una news appena ricevuta. Sono stato selezionato per trascorrere un mese nel nord della Germania, a Neumunster, nella residenza per artisti Stadttöpferei” (clicca qui). La fondazione Dr. Hans, infatti, da 25 anni mette a disposizione  una casa-studio-museo a ceramisti contemporanei. Offre loro ospitalità e costi di produzione in cambio di opere realizzate durante il soggiorno. Quest’anno su 107 candidati provenienti da 34 nazioni differenti la giuria ne ha selezionati 10, che trascorreranno un mese a testa all’interno della Residenza.

Ecco l’elenco dei ceramisti in ordine casuale. Cliccate sui nomi per vedere siti o immagini:
Marc Leuthold, Usa;
– Giorgio di Palma, Italia;
Iva Kukuric, Serbia;
Louise Sille Krogh-Jacobsen, Danimarca;
Stephanie Link, Germania;
Ismet Yuksel, Turchia;
Mimi Mc Partlan, Usa;
Steve Belz, Usa;
Elvan Serin, Turchia;
– Wang Qi, Cina.

Sono felice per l’opportunità e la fiducia. Partirò il 1 Aprile, non è uno scherzo.
Capasune, pizza e mandolino siano con me.

Le Salon Bizzarre Market, Acquaviva delle Fonti, 17 Febbraio.


Il 17 Febbraio ho avuto il piacere, per la prima volta, di partecipare al Le Salon Bizzare (clicca qui), un mercato itinerante molto interessante. In occasione del suo compleanno è stato organizzato un evento nel Palazzo de Mari ad Acquaviva delle Fonti. La location era incantevole, gli espositori di qualità egli organizzatori simpaticissimi. A deliziare l’evento c’erano poi i ragazzi di Carta e latte (clicca qui), che preparano degli hamburger vegani troppo buoni. Mi sento di promuovere l’evento e spero di riuscire in futuro a garantire la presenza delle mie ceramiche anche in altre tappe.  Grazie a tutti quelli che hanno supportato e che si sono innamorati delle mie inutilità. In alto potete vedere alcune foto, mentre per sfogliare l’intero album potete cliaccare qui

“Ceramica creativa” e “Ceramic Vision”


In questi giorni le mie opere sono state recensite su due interessanti portali:  Ceramic Vision e Ceramica Creativa.
Il primo (clicca qui) è un sito che si occupa della promozione e della divulgazione di notizie e informazioni sulla ceramica contemporanea. Per loro, ho rilasciato una piccola intervista di 6 domande.
La seconda (clicca qui)  è una pagina facebook che attraverso sole immagini racconta storie e realtà dal mondo della ceramica. Cliccando sul link che vi ho indicato potrete sfogliare un intero album con una summa dei miei lavori.
Li ringrazio per l’opportunità, la promozione e la fiducia dedicatami.

Sketchbook – Puntata sesta –


Di riento da un lunghissimo viaggio riesco finalmente a trovare il tempo per postare il mio solito diario a disegni. Rappresenta il tour che si è svolto tra Roma (per il Mercato Monti) e Perugia (per far visita a Maria e Macirella). Con me c’era Valeria. Insieme abbiamo mangiato un sacco e ci siamo divertiti un sacchissimo. Abbiamo comprato un pantalone e stivali nuovi. Abbiamo  pure preso un treno ritardatario di ore, salutato amici e collezionato spese.

Mercato Monti, Roma, 3 Febbraio. Parte Seconda.


Sono appena rientrato da Roma, dove ho avuto la fortuna ed il piacere di partecipare ancora una volta al Mercato Monti. E’ sempre un piacere incontrare vecchi amici e conoscere nuovi entusiasmanti venditori. Adoro sopratutto chi crea e investe in quello che fa,  come Vittoria (Mavi Taten) con i suoi bellissimi abiti, Olivia con i suoi fermagli vanitosi, Plexi shock con i suoi gioielli e Claudia con le sue borse.  Il Mercato Monti, infatti, riesce ancora ad offrire un ampia e variegata sintesi di arte, artigianato, moda e design di qualità. Potete vederli tramite foto cliccando qui, oppure recandovi direttamente alla fermata Cavour ogni domenica. Magari quando ci saremo nuovamente io e le mie ceramiche, ad Aprile.

Mercato Monti, Roma, 3 Febbraio. Parte Prima.


Dopo mesi di assenza dalla Capitale ho deciso di rivisitare Roma e di ripresentarmi al Mercato Monti (cliccate qui). Ci vediamo Domenica 3 Febbraio e non ci sono scuse. Avete 1 giorno intero di tempo. Quindi tra il cornetto della mattina ed il brodino della sera ricordatevi di me, seduto come un impiegato da scrivania, in uno dei posti che più mi piace e mi vuole bene. Portatemi qualcosa di dolce o magari caldo, ma sappiate che non si puo’ mangiare dentro l’Hotel Palatino, metro Cavour. Altrimenti portatemi un panno grande 2×1 m, che quello che c’è fa schifo a Ornella e Bibi, gli organizzatori. Oppure portatemi una lampada che dobbiamo illuminare bene tutte le ceramiche, che quelle sono belle. Altrimenti  fate come Biagio che non porterà niente se non la sua ironia. Ecco come mi presenta:
Con Giorgio – impetuoso, variegato, costante prodigio di risate sotto l’immancabile cappello a visiera – ci siamo conosciuti che eravamo due smilzi studentelli di archeologia. Durante uno dei tanti scavi abbiamo costruito insieme un muro di ‘petre’ per contenere alcune piccole frane di tegole messapiche. Oggi so che tutto quel sudore di un luglio non è servito a nulla. S’è messo a fare cose che non distano molto da ciò che può fare anche la poesia. Amici romani, il 3 di febbraio, giorno in cui ricorrono i festeggiamenti del Santo Biagio da Visas, Giorgio sarà nella capitale, ospite all’interno del mitico mercatino di Monti (quartiere).
Cercate il suo cappello, non ve ne pentirete!

500 grazie


500 grazie, uno per ogni persona che ha cliccato mi piace sulla pagina facebook Giorgio di Pama ceramiche (qui). E’ grazie a tutti voi che trovo stimoli e forza per creare novità e produrre inutilità. Non ho paura della partita IVA e non mi spaventano le tasse. Mi avete regalato abbastanza coraggio per rischiare, nonostante la crisi, nonostante le grandi aziende e nonostante la Cina e la cineseria. Oggi è uno splendido giorno di pioggia. Ascolto the National e lavoro sulle ultime novità. Ci risentiamo presto…

Che fine ha fatto? Serie 2 – Puntata 4 –


Finalmente trovo il tempo per aggiornare la rubrica che entra nelle vostre case, scova i miei ex oggetti e li rende pubblici. Oggi posterò l’immagine che mi era stata inviata un pò di tempo fa da Riccardo. Non so se lo conoscete, ma sicuramente dovreste. Probabilmente lo avete visto girare in bici.
A casa sua, oltre ad un velocipiedi forato, ci sono alcune ceramiche. Le potete osservare in fondo, sul mobile rosso… la televisione, il giradischi e la macchina fotografica, vicini a due piccoli pumi. Lo ringrazio per la foto , ma sopratutto per avermi dedicato così tanto spazio e fiducia. A presto con tante foto arretrate.

Il dieci per cento – Seconda parte –


Ritengo che le azioni buone, come quelle benefiche, debbano essere fatte in silenzio, senza autoproclamazioni ed esaltazioni personali. E’ per questo che ogni volta che mi reco al canile di Grottaglie spiego a tutti che non merito ringraziamenti. Non mi sento un eroe, soprattutto dinnanzi a chi dedica la sua vita in maniera attiva 24 ore su 24. Io dono solo il 10% del mio piccolo ricavato ai cani di Grottaglie e lo faccio sopratutto grazie a chi me lo permette. Questa volta sono stati Carmelo e Valentina, sposi da soli due giorni, a concedermi quest’opportunità lasciandomi libertà su tutto, dalla realizzazione fino alla donazione. Ringrazio loro e Grazia Parisi che, nonostante la mia riservatezza mi ha dedicato splendide parole tramite un blog locale:

 “Stamattina Giorgio é venuto portando di tutto: candeggina, scatole di carne, acqua ossigenata, amuchina, mangime. Sono orgogliosa di conoscere ragazzi con questa sensibilità. Giorgio l’ho visto crescere da quando nel 1999 gli ho dato in adozione il suo cane, venuto a mancare da poco. Da allora l’ho sempre visto affacciarsi al cancello a chiedere notizie di tutti gli altri cuccioli, ogni anno un po’ cresciuto fino alla splendida persona che é oggi. Lo dico non per l’aiuto ma per la sensibilità e l’affettuosa vicinanza.
E’ un artista Giorgio, e non si é artisti per caso, che dentro ha tutto un mondo di sentimento e di solidarietà. Grazie Giorgio, – ha concluso Grazia Parisi – Buon Natale e tanta fortuna a te e a tutti i giovani di Grottaglie con questa sensibilità
.”

Per l’articolo intero clicca qui.

Conto alla rovescia


Poche ore a Natale. Mi ritaglio un minuto per scrivere qualcosa che premi chi con costanza visita il sito rimanendo perennemente deluso dei miei  rarissimi aggiornamenti.
Mi dedico ad un sacco di progetti, nonostante sia stato l’unica vittima del 21 Dicembre. Non sono morto ma mentre ero in macchina mi si sono azzerati gli orologi sia del cellulare che della Panda. Nello stesso secondo. E’ successo proprio il 21 Dicembre. Circa 64 ore fa. Da allora niente è cambiato.  Tutto identico.
Sono sempre allo studio e mi preparo a combattere contro i cairbodrati natalizi mentre vendicchio le mie ceramiche. A proposito delle ceramiche, ieri mi hanno segnalato una breve apparizione al TG1. Vi lascio quindi con qualche frame delle importanti frazioni di secondo. Potete vedere tutto il telegiornale cliccando qui, ma se non vi va andate direttamente al minuto 32.00. A presto.

Grottangeles + Giorgio di Palma


E’ in arrivo il Natale e con lui la tredicesima. Se Imu a parte non sapete dove investire i vostri soldi fatelo nella nuova collaborazione, nata tra Giorgio di Palma  e Grottangeles (clicca qui). Quest’anno potrete acquistare l’accoppiata vincente minicassetta frutta + maglietta. Entrambe sono in serie limitata e sono vendute  ad un prezzo credetemi vantaggiosissimo ma senza sconti. Quindi se volete farvi un regalo, anzi due, passate dallo studio e toglietevi lo sfizio. Un abbraccione, vostro amato.
Per più foto ed info cliccate qui.

In viaggio


Non preoccupatevi non sono sparito. Sono mancato a lungo dal blog perchè un vortice di eventi ha caratterizzato lo scorso Novembre. Per questo ho deciso di staccare la spina e partire. L’ho fatto da solo, per concentrarmi su quello che effettivamente è necessario fare o meno. L’ho fatto come al solito a caso, alla ricerca di posti che mi regalassero stimoli ed emozioni. Mi sono fermato e mi fermerò in quanti più posti possibili prima di tornare a casa. Per ora procede bene, ho trovato anche la neve, tanta neve. Ma mamma non preoccuparti, ho comprato le scarpe nuove.

December 2012

A couple of news :
– I added new objects and low relieves under the ceramic’s category. There you will find also a new product: the “Busta Sorpresa“.
– In the next  month I will work hardly on a new project that need concentration and stamina. I can’t annunce anything in advance, but one day you will be update about it.
– My works has been featured on frizzifrizzi (click here) and will be reviews on an important magazine.
– I am planning some exhibitions in different cities. Nothing sure…. everything great.
– Thanks to Dario Miale (click here) for all the great pictures that he is taking to my pieces.

The MOST important thing:
Lucky is climbing to the sky looking for the brightest star. So don’t be afraid to watch the moon and smile thinking about the greatest creature that I have ever met.

Hai qualcosa nel naso


Sono costretto ad abbandonare un abbondante produzione a causa del colpo della strega. Ironia della sorte è il giorno di Halloween.
Mi ritrovo scomodo sul divano insieme al mio mal di schiena, a poche zanzare superstiti ed una playlist dei National (clicca qui). C’è anche chi mi aspetta da casa, con una flebo e la speranza di tempi migliori. Provo a rilassarmi ricercando notizie da riciclare in occasioni importanti. Immaginate di essere in viaggio e di trovarvi dinnanzi ad una di quelle tipiche statue equestri con annesso eroe. Ebbene in quelle occasioni da oggi potrete dire che:
Se il cavallo ha le zampe davanti in aria, la persona che lo cavalca è morta in battaglia.
Se il cavallo ha una sola zampa per aria, il tipo in sella è morto in seguito alle ferite riportate in battaglia.
Se il cavallo ha tutte e quattro le zampe a terra, il cavaliere è morto di cause naturali.

Curiosità a parte in alto “Hai qualcosa nel naso“, ultima opera in attesa di cottura. Un abbraccio, spalla permettendo.

Si ricomincia…


Ci risiamo. Pochissimo tempo a disposizione e tantissime cose da fare. Fortunatamente aggiungerei. Le ceramiche non sono pizzelle, da sfornare a raffica e a piacimento. Richiedono tempo, pazienza e sopratutto calma.
Per condire questo caos aggiungo anche il mio stato mentale diviso tra produzione ed organizzazione.
Devo inventare novità, non tralasciare il già fatto ma terminato, accontentare alcune commissioni intriganti e nel contempo organizzare mostre. Sono tutti aspetti importanti a cui dedicare il giusto tempo. Come l’aggiornamento e la cura del sito. Mamma mia, quante cose. Mi devo sbrigare. Vi lascio con le foto di una novità, i cerotti e di un prototipo per una commissione. A presto.

 

Che fine ha fatto? Serie 2 – Puntata 3 –


E’ giunto il momento di aggiornare la rubrica Che fine ha fatto?“. Ringrazio quanti in questo periodo stanno dedicando del tempo per inviarmi foto dei miei oggetti nelle nuove case. Poco alla volta troverò il tempo per postarle tutte. Per ora vi lascio con la foto del telefono, avvistato in Belgio, a casa di una simpaticissima famiglia che sin dall’inizio ha supportato le mie ceramiche. Un anno fa, infatti, mi inviarono la foto con gli occhiali. Da oggi, invece, a fargli compagnia ci sarà anche il telefono.

Il dieci per cento – prima parte –


Le poche volte che realizzo bomboniere e gadgets dono il dieci per cento al canile di grottaglie. Il motivo è semplice: chi lo gestisce ci mette l’anima in cambio del cuore di tantissimi cani. Ho adottato Lucky in quel posto e sono contento di aiutare i sui vecchi amici e la sua antica casa. In alto potete osservare le foto degli ultimi acquisti: crocchette, carni varie e candeggine a volontà. A nome di 500 cani ringrazio Flavia e Vincenzo, i veri artefici della donazione.

Riproduzioni


Lucky è steso al mio fianco, tremando ed assistendomi in tutte le fasi produttive. Siamo i soci ideali, mai uno screzio, mai una discussione. Abbiamo schemi, scalette e tempi da rispettare. Non è facile, ma ce la mettiamo tutta. Vogliamo dedicarci a nuove opere, organizzare nuovi viaggi e lanciare nuovi progetti. Il tempo sembra non bastare mai, ma aspettateci…

Opera in memoria di jimmy


Avevo promesso che un giorno avrei raccontato la storia di Jimmy, a cui ho dedicato  “Devo migrare.” “Promettimi che torni”, (foto in alto).
Quel giorno, purtroppo, non è mai arrivato perchè la storia di Jimmy è triste, o meglio lo è stata fino al 7 Ottobre 2012.
Sono le 17.45 di un caldo pomeriggio autunnale. Giorgio si prepara per assistere ad un dibattino cittadino nelle vie del centro storico. Ha da poco finito di produrre origami in ceramica quando ad un tratto viene colpito dietro l’orecchio da un velocissimo qualcosa. Pensa agli indiani, alle frecce e alle cerbottane. Poi si volta e bestemmiando si accorge che è stato un Erithacus rubecula.
Il volatile è steso sul pavimento, k.o.
Giorgio gli si avvicina quando all’improvviso il pettirosso si rialza e inizia a volare nello studio. Cerca una via d’uscita, sbattendo contro il nervoso alano,  l’invendibile radio, fino a trovare rifugio sul condizionatore (fig. 1)
Dopo un attimo di tranquillità il volatile riparte in picchiata verso la finestra ma la zanzariera gli impedisce di raggiungere il cielo. E’ nuovamente steso a terra, incastrato a testa in giù in mezzo decine e decine di pumi appena spugnati (fig. 2). La posizione non lascia presagire nulla di buono. Giorgio usa uno zoccolo di ceramica per stuzzicarlo. Lui si rialza e si rifugia steso laterlamente in un angolo nascosto (fig. 3). Sono momenti di panico. Bisogna fare qualcosa. L’intraprendente ragazzo prende un panno, avvolge il volatile e si precipita per le scale (fig. 4). In mano non sente niente, nessun movimento, teme il peggio.
Poggia lo straccio a terra ed incrocia le dita.
Buona fortuna Jimmy.

Che fine ha fatto? Serie 2 – Puntata 2 –


Quella che vedete in alto è la foto di una casa o meglio di parte di un  salone di una casa. Se vi concentrate bene, tuttavia, riuscirete anche a vedere qualcosa di assolutamente familiare, perfettamente mimetizzato nell’arredamento nord-europeo. Si trova sulla sinistra e non è un libro di Ken Follet.  Indovinato? Va bene, ve lo dico. E’ la radio di ceramica. Perfettamente inutile al fianco del televisore. Con lei hanno raggiunto Copenaghen un pennello, un libro e delle gomme. Glu occhiali, purtroppo, non ce l’hanno fatta. Si sono infranti prima di raggiungere la meta.

Fame Festival 2012 – Parte Seconda –


Come promesso nel precedente post (clicca qui), lascio al web alcune immagini delle opere realizzate per il Fame Festival. In alto una splendida foto scattata da Ferencz (clicca qui) mentre le sue bambine giocano per strada con il finto telefono. In basso, invece, le foto scattate da Henrik Heaven (clicca qui) la serata dell’inaugurazione.
La mia installazione voleva ricostruire la vera scena del montaggio del telefono all’interno della galleria, con riproduzioni in ceramica dei veri oggetti utilizzati. Ho il piacere di presentarvi gli inediti cassetta degli attrezzi, telefono, scopa e paletta. Inoltre, visto che mi piaceva, mi son portato dietro il pallone.
Altre foto le potete trovare su juxtapox (qui) e su arrested motion (qui):